È sicuro mangiare le mandorle crude durante la gravidanza?

Le mandorle sono una valida fonte di nutrienti e forniscono grassi sani. Le donne in gravidanza hanno aumentato i requisiti di vitamina, nutriente e calorie, per cui le mandorle potrebbero essere un’aggiunta utile a una dieta gravidanza. Tuttavia, la sicurezza di mangiare noci come mandorle durante la gravidanza è una preoccupazione a causa delle crescenti tassi di allergie alimentari nei bambini piccoli.

Nuts, come carni e fagioli, sono membri del gruppo alimentare proteico che è vitale per una dieta sana. Circa 25 mandorle rappresentano 1 oz. Equivalente a contribuire alla quotidiana assunzione di proteine ​​adulte giornaliere di 5 a 6 oncia equivalenti, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Tutti i dadi forniscono fibra per aiutare la digestione, ma le mandorle forniscono anche elevate quantità di vitamina E. Le mandorle sono una fonte di grassi sani che contribuiscono alla salute delle cellule e riducono lo stress sul corpo con effetti antiossidanti.

Le mandorle, insieme a cashews, nocciole e pecan, sono alberi. Anche se l’allergia di arachidi è più spesso associata ad anafilassi, una respirazione per la vita e la reazione agli urti anche in età adulta, i noccioli hanno rischi simili di allergia alimentare. Secondo la Food Allergy and Anaphylaxis Network, quasi 2 milioni di persone negli Stati Uniti sono allergiche alle noci. Le mandorle non sono le più comuni allergie degli alberi, ma gli operatori sanitari possono consigliare l’evasione di tutti i dadi quando un’allergia a un tipo è presente, a causa del rischio di reazioni a croce.

Poiché l’evasione è l’unico modo per prevenire una reazione allergica, le donne in gravidanza che hanno un’allergia alle noci dovrebbero evitare di mandorle in ogni momento per la propria sicurezza. Gli effetti di mangiare mandorle o altri alimenti allergici durante la gravidanza nelle donne non allergiche sono comunque ancora poco chiari. La saggezza convenzionale alla fine del ventesimo secolo suggeriva che i dadi, tra cui le arachidi e le noci, dovrebbero essere evitate durante la gravidanza per ridurre il rischio di allergia nel neonato. Tuttavia, il tasso di allergie alimentari continua ad aumentare, forse a causa di un eccessivo evitamento e di una pulizia che non stimolano correttamente il sistema immunitario – il concetto di igiene. Le teorie che collegano allergie alimentari all’uso o all’eventuale gravidanza hanno ancora prove poco convincenti.

Poiché nessun studio chiaramente associato evitando dadi o ingestione di dadi durante la gravidanza con lo sviluppo di allergie alimentari nei bambini piccoli, linee guida concise non sono disponibili per gli operatori sanitari o per i loro pazienti in gravidanza interessati. L’American Academy of Pediatrics raccomanda che le donne in gravidanza con una storia di allergie alimentari in famiglia agiscano prudentemente evitando cibi come mandorle o arachidi che presentano rischi di allergia elevata.

Benefici per la salute delle mandorle

Allergia all’albero

Gravidanza e allergie alimentari

Eccezioni di sicurezza per allergie alimentari