I fattori di rischio di nutrizione di una dieta vegetariana adulta di latto-ovo

Secondo l’American Dietetic Association, tutti i tipi di diete vegetariane, comprese le diete vegetariane lacto-ovo, sono adeguatamente nutrizionali. Inoltre rileva che le diete vegetariane possono fornire benefici per la salute, compresa la prevenzione di alcune malattie. Tuttavia, se la vostra dieta vegetariana lacto-ovo non è attentamente pianificata per garantire che tutti i requisiti nutrizionali siano soddisfatti, potresti essere a rischio per le carenze nutritive.

I vegetariani a base di lattosio consumano tipicamente uova e prodotti lattiero-caseari oltre agli alimenti a base di piante, quali frutta, verdura, cereali integrali, legumi, noci, semi e prodotti di soia. I nutrienti chiave per i vegetariani includono acidi grassi omega-3, proteine, ferro, zinco, iodio, calcio e vitamine B-12 e D. Anche se queste sostanze nutritive sono importanti per i vegetariani, i vegetariani lacto-ovo che consumano un sacco di prodotti lattiero-caseari e le uova in genere Quantità adeguate di proteine, calcio, iodio e vitamine B-12 e D.

Anche se alcuni alimenti vegetali, come l’olio di canola e le soia, contengono acido grasso omega-3 ALA, non forniscono omega-3s DHA o EPA. La maggior parte degli studi che hanno mostrato effetti favorevoli di omega-3 sulla salute del cuore o lo sviluppo cognitivo di neonati e bambini hanno utilizzato DHA, EPA o entrambi. L’American Dietetic Association nota che DHA nel latte materno è presente in quantità inferiori nelle donne infermieristiche che seguono una dieta veganica o lacto-ovo vegetariana rispetto alle mamme infermieristiche non vegetariane. Le fonti comuni di DHA e EPA si trovano negli oli di pesce e di pesce, negli alimenti forti di DHA o negli integratori DHA derivanti da macroalghe. La maggior parte degli ostetriche incoraggia le donne in gravidanza e infermiere a prendere integratori vitaminici prenatali che contengono gli acidi grassi omega-3 DHA e EPA.

L’anemia di carenza di ferro è una preoccupazione per le diete vegetariane poco pianificate. Il ferro di ferro, il tipo di ferro meglio assorbito dal corpo umano, si trova negli alimenti a base di animali come carni rosse, ostriche e vongole. Anche se il ferro nonheme è negli alimenti a base di piante, come legumi e cereali integrali fortificati, è poco assorbito rispetto alle fonti di ferro heme. L’Associazione Dietetica Americana riferisce che le raccomandazioni per l’assunzione di ferro per i vegetariani sono 1,8 volte superiori a quelle dei non-vegetariani. I vegetariani di lacto-ovo alimentari comunemente mangiano, come il calcio alimentare, fitati in legumi e cereali integrali e soia possono inibire l’assorbimento di ferro nonheme nel corpo. Prendere un supplemento multivitaminico contenente ferro può aiutare a prevenire il rischio di sviluppare anemia di carenza di ferro.

I vegetariani latto-ovo hanno un rischio maggiore per la carenza di zinco, poiché le carni sono una principale fonte di zinco. I fagioli e i grani hanno solitamente composti che possono inibire l’assorbimento di zinco nel corpo e i vegetariani potrebbero richiedere fino al 50 per cento di zinco più di quelli non vegetariani. L’Ufficio per i supplementi dietetici rileva che i neonati più alti di 6 mesi di età sono in pericolo di carenza di zinco se non consumano carni pureate, poiché il latte materno non fornisce sufficiente zinco per i neonati di età superiore a 6 mesi. Le fonti di zinco per i vegetariani lacto-ovo includono alcuni integratori multivitaminici e yogurt tartufi fortificati.

sfondo

Acidi Grassi Omega-3

Ferro

Zinco